“Condividiamo gli intenti e gli obiettivi dell’Odg discussa oggi in Aula (e infatti abbiamo apposto anche la nostra firma) in merito al crack della società Qui! Group, le cui inadempienze hanno messo in ginocchio, nella sola Liguria, circa 1.200 tra aziende ed esercizi commerciali. È un’ottima notizia che la Regione abbia accolto la richiesta di offrire controgaranzie rispetto ai consorzi fidi per agevolare l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato da parte degli istituti di credito, con un importo che si avvicini all’intero ammontare della cifra necessaria alle esigenze”.

“Cogliamo tuttavia ancora una volta l’occasione per riproporre un quesito posto più volte dal M5S in Regione Liguria e dal M5S in Comune a Genova: vale a dire, Gregorio Fogliani, o società a lui riferibili, ha finanziato la fondazione ‘Change’ di Toti, con la quale è stata pagata la campagna elettorale del 2015 e della quale ha usufruito anche Bucci? Se sì, in quale misura? Su questa domanda continua l’atteggiamento di chiusura e censura da parte del centrodestra in Regione e a Palazzo Tursi. Fortunatamente, è tramontata l’opacità cui abbiamo assistito e continuiamo ad assistere: come M5S al Governo, abbiamo cambiato la legge e d’ora in poi non sarà più possibile occultare i nomi e le società che finanziano una campagna elettorale”.

Così la capogruppo regionale Alice Salvatore intervenendo in Aula in merito alla discussione sul crack della società capitanata da Fogliani.

MoVimento 5 Stelle Liguria

M5S Liguria

Leave a Comment