“Come già ampiamente spiegato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dal ministro Toninelli, non c’è alcun taglio al fondo per il Trasporto pubblico locale, né in Liguria né altrove. Quella di Berrino è una polemica strumentale a soli fini elettorali: ma i cittadini non hanno certo bisogno di altre fake news. I dati parlano chiaro: a febbraio il Ministro Toninelli ha firmato il decreto interministeriale per ripartire 3,9 miliardi alle Regioni.

Ovvero, come previsto dalla legge, l’anticipazione dell’80% del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario. Nessun taglio dunque, l’assegnazione del primo 80% riguarda il fondo nella sua interezza.

“Tra i fondi sono stati conteggiati, e dunque di fatto sbloccati, i 300 milioni di euro accantonati dalla legge di Bilancio 2019 e si continuerà a lavorare affinché sia scongiurata qualsiasi decurtazione”.

Potenziare il trasporto pubblico locale è, sin dall’inizio, uno degli obiettivi prioritari del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. La via maestra per garantire ai cittadini e pendolari, che solo in Liguria sono 550 mila, spostamenti adeguati, facendo passi in avanti verso l’intermodalità e con l’obiettivo di incentivare forme di viaggio a basso impatto ambientale. Siamo dunque soddisfatti che il ministro sia riuscito a sbloccare a tal fine le risorse accantonate in Manovra, perché, come ha sempre dichiarato: ‘sul Tpl non è ammissibile risparmiare né tagliare nemmeno un euro’”.

MoVimento 5 Stelle Liguria

M5S Liguria

Leave a Comment